Abio Catania

ABIO dal 1978 è al fianco dei bambini in ospedale con 5.000 volontari in 200 reparti pediatrici in tutta Italia

A CATANIA DAL 1994 con più di 200 VOLONTARI PRESENTI IN 3 OSPEDALI

Carta dei diritti

Nel 2008 Fondazione ABIO Italia, in collaborazione con la Società Italiana di Pediatria, redige la Carta dei Diritti dei Bambini e degli Adolescenti in Ospedale. Il documento riprende la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza del 1989 e si ispira alla Carta di EACH del 1988, ma le adatta all’attuale situazione italiana anche in base alla ormai trentennale esperienza di volontariato ABIO.

Obiettivo
Il momento del ricovero per il bambino è molto delicato: l’ambiente sconosciuto, la perdita dei quotidiani punti di riferimento, la preoccupazione per la propria salute, influiscono sull’equilibrio del bambino e dei suoi genitori. La Carta evidenzia l’importanza di passare dal curare le malattie al prendersi cura dei bambini e degli adolescenti malati: per questo sono importanti un ambiente il più possibile a misura di bambino, l’opportunità di garantire il gioco anche durante il ricovero, la necessità della presenza dei genitori, il diritto alle cure migliori e al ricovero all’interno di reparti pediatrici.

Diffusione
Il documento è stato diffuso a partire dal 2008 presso gli ospedali che hanno aderito all’iniziativa e distribuito dai volontari ABIO nei reparti e in tutte le occasioni di comunicazione. Fondazione ABIO Italia ha inoltre promosso la Carta presso l’opinione pubblica e le Istituzioni; un Convegno organizzato a Roma nel novembre del 2008 ha permesso di fare un primo bilancio della diffusione del documento.

Concretizzazione
Per concretizzare i principi espressi dal documento, è stato costituito successivamente un Gruppo di Lavoro di cui Fondazione ABIO Italia è capofila e che coinvolge PROGEA, Joint Commission International e SIP. Il Comitato Scientifico ha elaborato, a partire dai 10 punti della Carta dei Diritti, degli standard di riferimento concreti e misurabili, in base ai quali è stato realizzato il Manuale per la Valutazione della Qualità nelle Pediatrie Italiane.

Scarica la carta dei diritti

CERTIFICAZIONE ABIO/SIP

Il Manuale per la certificazione della Carta dei Diritti dei Bambini e degli Adolescenti in Ospedale

A partire dal 2008 la Carta dei Diritti dei Bambini e degli Adolescenti in Ospedale ha ottenuto diversi riconoscimenti istituzionali ed è stata accettata formalmente da molti ospedali.

Ora l’obiettivo è concretizzare i principi elencati: Fondazione ABIO Italia, insieme a PROGEA, Joint Commission International e SIP, ha realizzato il Manuale per la certificazione della “Carta dei Diritti dei Bambini e degli Adolescenti in Ospedale”.

Il Manuale
A partire dai 10 punti della Carta il comitato scientifico ha individuato quattro aree.
– Accoglienza e supporto.
– Diritti dei bambini, degli adolescenti, dei familiari e informazioni.
– Continuità delle cure e integrazione.
– Specificità delle cure.

Per ogni area sono stati elaborati degli standard concreti e misurabili, allo scopo di definire livelli di qualità che i reparti di pediatria devono rispettare nell’erogazione dei servizi di diagnosi e di cura.

Il percorso di valutazione e di certificazione
Un percorso verso l’umanizzazione dell’ospedale è da sempre l’obiettivo di ABIO, ma non può essere raggiunto senza il coinvolgimento pieno e l’impegno delle strutture sanitarie e di coloro che vi operano. Per questo viene proposto agli ospedali un percorso di valutazione, realizzato attraverso la visita di esperti specializzati che misurano concretamente l’attinenza del reparto agli standard fissati dal Manuale.

L’esito positivo del percorso permetterà di ottenere la certificazione ABIO/SIP, dedicata ai reparti di pediatria che rispettano l’applicazione della Carta dei Diritti dei Bambini e degli Adolescenti in Ospedale.

Per un maggiore approfondimento scarica la scheda dedicata al Manuale